Articoli

Ripresa. Mai come in questo periodo questo termine è stato utilizzato così tanto. Ripresa che sembra piano piano comparire e questo si ripercuote anche (e soprattutto) sulla ristorazione. E proprio per l’occasione oggi vogliamo raccontarvi una bellissima esperienza vissuta da Nerino Dieci Trattoria, situato a Milano, proprio in via Nerino, 10.

Questo ristorante ormai rappresenta una seconda casa, sì, avete capito bene, perchè appena entrati vi ritroverete davanti un luogo che racchiude amore per il proprio lavoro, dedizione e cura nei particolari.

Nerino Dieci Trattoria è una bomboniera nel cuore delle realtà meneghina, di cui custodisce orgogliosamente una parte di storia risalente al 1899. Stefano e Sandro sono i padroni di casa, ristoratori per passione e non per convenienza, che cercano il più possibile di assecondare le richieste dei loro clienti.

Il menù è studiato attentamente, le proposte culinarie sono lo specchio del loro stile: ricercato nelle materie prime della migliore qualità, trattato con sapienza e genuinità, insomma..meglio di così? Tutto è stagionale, a seconda quindi del periodo in cui andrete a mangiare da Nerino Dieci Trattoria troverete sempre piatti diversi.

La trattoria è adatta a coppie, amici, famiglie, per qualsiasi occasione, sicuramente non si sbaglia. Situato in una posizione strategica di Milano (usciti da ristorante potrete deliziarvi con una breve passeggata su Via Torino per poi ritrovarvi dopo nemmeno 15 minuti ad ammirare il Duomo).

La loro filosofia? Dare ai loro clienti quello che loro stessi si aspetterebbero si ricevere da un ristorante.

Non ci resta che augurarvi.. buon appetito!

Folklore tra cibo e storia, Napoli

Napoli, una città che brulica di storia e di vita. Vi aspetterà un weekend all’insegna del Folklore tra cibo e storia.

Il capoluogo della Campania è veramente sorprendente: sarete immersi in via acciottolate, beni culturali dal fascino incantato e da profumi di ogni genere. Visitare Napoli non è facile; è molto caotica, per questo cercate sempre di andare a piedi o di usare la metropolitana piuttosto che un taxi. Piccoli tragitti potrebbero rivelarsi infiniti.

I monumenti e i quartieri da vedere sono tantissimi e di una bellezza incredibile, per questo consigliamo almeno un weekend lungo di tre giorni per riuscire a godervi la città per intero.

Intanto non possiamo non introdurvi Spaccanapoli. Si tratta di una strada che taglia in due parti la città, infatti vista dall’alto sembra proprio una linea retta che passa per il centro di Napoli. Spaccanapoli percorre i quartieri Spagnoli fino ad arrivare al quartiere Forcella. Questa lunga via è il fulcro della cultura e della vita napoletana, infatti, le sue strade acciottolate, i profumi e i negozi caratteristici raccontano molto sulla storia di questa incredibile città. E’ il vero folklore tra cibo e storia.
Per ammirare il fascino di Spaccanapoli vi consigliamo di salire su un punto panoramico.

Primo giorno

  • Duomo: la Cattedrale di Santa Maria  Assunta è un’ importante basilica, nonché il duomo di Napoli. Si tratta di una delle più importanti chiese della città sia dal punto di vista artistico che culturale, infatti, la chiesa ospita tre volte all’anno il rito dello scioglimento del sangue di San Gennaro. La facciata del Duomo è alta circa 50 metri e dotata di tre portali.
  • San Gregorio Armeno: questa via, nel centro storico di Napoli, è celebre per le botteghe artigiane di presepi. Questa è la zona più caratteristica della città, dove troverete il vero folklore tra cibo e storia. Il consiglio è quello di passeggiare (facendovi largo tra i turisti ovviamente) nella via, affacciandovi sulle pittoresche traverse che la incrociano. Andando sotto Natale l’arte dei presepi che caratterizza la strada è alle stelle: dovrete per forza comprare almeno una statuina e sarete immersi in un’atmosfera magica. Riassumendo: San Gregorio Armeno è l’arte dei presepi fatti a mano.
  • Chiesa di Santa Chiara: una se non “la” chiesa che maggiormente ci ha colpito. Si tratta di una basilica gotica caratterizzata da 4 chiostri monumentali, scavi archeologici nell’area circostante e diverse sale nelle quali è ospitato il museo dell’opera. Sorge nel cuore del centro storico napoletano e la sua costruzione ebbe inizio nel 1310 per volontà del re Roberto d’Angiò. La facciata è sobria ed imponente con un grande rosone centrale. Aperta dalle 9.30 alle 17.30 ogni giorno escluso la domenica che è aperta dalle 10 alle 14. Il costo del biglietto intero è di 6 euro.
  • Cappella di San Severo: il museo cappella San Severo è un gioiello patrimonio internazionale della cultura. Sembra di trovarsi fuori dal tempo, infatti, l’atmosfera è unica. La scultura che attira la maggior attenzione è il Cristo Velato la cui immagine ha girato il mondo proprio per la tessitura del velo in marmo, infatti è una delle opere più suggestive al mondo. Raccomandiamo di prendere i biglietti in anticipo sull’apposito sito perché è una meta molto ambita dal turismo. Orari: domenica, lunedì, mercoledì, giovedì venerdì 9-18.30; sabato 9-20; martedì chiuso.

Per il percorso su Google Maps clicca qui

 

Secondo giorno

  • Museo archeologico: il museo archeologico nazionale di Napoli è un ente museale storico, infatti, è considerato uno dei musei più importanti al mondo per quanto riguarda la storia romana. Vi consigliamo di dare un’occhiata sul sito per organizzare la vostra visita e per seguire le collezioni e le mostre in corso. Per info sui biglietti e sugli orari cliccate qui.
  • Napoli sotterranea o galleria Borbonica: se andate a Napoli non potete perdervi Napoli Sotterranea. Da oltre 30 anni questo tour offre escursioni (gite attraverso 2400 anni) in luoghi affascinanti e suggestivi della città. L’ingresso è nel cuore del centro storico in Piazza San Gaetano 68 e vi verrà mostrato attraverso un percorso sotterraneo fatto di cunicoli, la storia della città. Per maggiori info cliccate qui. Una valida alternativa può essere la Galleria Borbonica, il cui principio è similissimo a quello di Napoli Sotterranea. Infatti, è una cavità sotterranea di Napoli (in cui si può scegliere diversi tipi di percorsi). Scegliendo il percorso avventura sarete muniti di elmetto e torcia e visiterete un’antica cisterna navigando su una zattera. Per maggiori info cliccate qui.
  • Castel Sant’Elmo: si tratta di una bellissima fortezza/museo da cui ammirare il panorama su tutta Napoli. Si trova infatti a 250 metri sopra il livello del mare, sulla parte alta di una collina del quartiere Vomero. Noi siamo salite al castello prendendo l’apposita funicolare a Chiaia; la fermata a cui scendere è piazza Amedeo. Ammirerete Napoli in tutto il suo splendore. E’ una tappa obbligatoria!

Per il percorso su Google Maps clicca qui

 

Terzo giorno

  • Chiaia: la zona elegante della città, ricca di negozi raffinati e boutique. E’ il quartiere ideale dove rilassarsi guardando qualche vetrina e affacciandosi sugli scorci che solo Napoli può regalare. Infatti, uno dei motivi per passare in questo quartiere è la sua posizione affacciata sul Golfo di Napoli.
  • Via Toledo: questa via è una delle principali arterie della città e anche questa una tappa obbligatoria per lo shopping. Ormai quasi totalmente pedonale, è il luogo ideale per ammirare l’architettura degli edifici che la circondano e gustare qualche specialità della pasticceria napoletana. Un elemento importante di via Toledo è la Galleria Umberto I che è, ed è stata, uno dei centri del commercio più fiorenti.
    Chi ci arriva in metro sarà fortunato perché la fermata Toledo è veramente splendida dal punto di vista architettonico.
  • Piazza Plebiscito e Palazzo Reale: piazza del Plebiscito è ubicata al termine di via Toledo e con 25.000 metri quadrati di piazza, è una delle più grandi d’Italia. Nel centro si trovano due statue equestri ed è famoso il gioco di attraversare bendati la piazza in linea retta partendo dalla porta di Palazzo Reale (al centro tra le due statue)… nessuno riesce a portare a termine l’impresa! Palazzo Reale, oltre ad essere uno dei luoghi d’arte della città era una delle residenze dei Borboni di Napoli durante il Regno delle due Sicilie. Chiuso solamente il mercoledì, è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19 ed è gratuito per molte categorie. Il prezzo del biglietto intero è 4€.
  • Castel dell’Ovo: si tratta del castello più antico di Napoli ed è uno degli elementi che spicca maggiormente nel panorama del golfo. Attualmente, il castello è collegato al Lungomare della città attraverso un ponte sul mare e circondato da Borgo Marinari, animato da ristoranti e bar. Il castello è visibile tutti i giorni ad ingresso libero, orari: 12-15; 18.30-20.30
  • Lungomare Caracciolo: come gran finale di giornata e della vacanza non c’è niente di meglio che passeggiare sul Lungomare. Da lontano se guardate attentamente scorgerete anche il Vesuvio!

Per il percorso su Google Maps clicca qui

 

Dove mangiare:

Colazione:

Gambrinus: storico caffè letterario datato al 1860. Caffetteria squisita, colazione ricca con pasticceria di tutti i tipi. Colazione anche all’americana. Sarete immersi in un’elegante locale in stile liberty.
Indirizzo: Via Chiaia 1/2

Vero bar del professore: conosciuto per uno dei “caffè” più buoni di Napoli. Un mix di tradizione napoletana e innovazione, per questo nasce qui il caffè alla nocciola, squisito, una vera e propria novità nel mondo del caffè.
Indirizzo: Piazza Trieste e Trento,46

Officina Ba bar: bar più di nicchia, si tratta infatti di una bakery, quindi non un luogo tipico napoletano. Perfetto se volete gustare i pancake!
Indirizzo: Via Santa Lucia, 169

Pranzo:

Renzo e Lucia: perfetto se vi trovate nella zona di Castel San’Elmo. Pranzerete con una meravigliosa panoramica su tutta Napoli. Cucina Gourmet con piatti creativi improntati sulla tradizione italiana. Andateci assolutamente, anche solo per un caffè, rilassandovi sulla meravigliosa terrazza.
Indirizzo: Via Tito Angelini, 33

Trattoria Nennella: cucina tradizionale caratterizzata da piatti mediterranei e tradizionali come il crocchè di patate o gli arancini di riso. Assolutamente artigianale caratterizzato da grande attenzione per le materie prime. Perfetto anche per pranzi di gruppo.
Indirizzo: Vico Lungo Teatro Nuovo, 103/104/105

La Scialuppa: piatti di terra e piatti di mare ma con una caratteristica comune: fatti a mano, quotidianamente, con attenzione per il prodotto, seguendo la sua stagionalità e con la sapienza di grandi chef. Atmosfera romantica e rilassata.
Indirizzo: Piazzetta Marinari, 5

Cena:

Vesi: ecco un ristorante dove potrete gustare la classica pizza napoletana. La tradizione viene innovata e perfezionata con squisite pizze gourmet, irresistibili. Inoltre, gli ingredienti e le materie prime sono squisite e ricercate.
Indirizzo: Via Michelangelo 77/79/81

La figlia del presidente: se siete a Napoli non potete non assaggiare la pizza fritta. E qui, da “La figlia del Presidente” potrete assaggiare questa specialità unica.Prodotti genuini di origine campana serviti con una professionalità che vi farà sentire a casa.
Indirizzo: Via Grande Archivio, 24

Antica Trattoria Capri: piatti di pesce che raccontano la tradizione napoletana, ecco che cos’è l’Antica Trattoria Capri. Consigliatissimo il pacchero fritto con ripieno di ricotta. Questo posto rappresenta il vero Folklore tra cibo e storia.
Indirizzo: Via Speranzella, 110

Locali notturni:

Chandelier Cafè: bar elegante e di classe con un  servizio ottimo. I cocktail sono curatissimi e con una vasta scelta di distillati.
Indirizzo: Vico Belledonne a Chiaia 34/35

Slash: riaperto da pochissimo tempo lo Slash vi coinvolgerà in serate danzanti e momenti di arte e cultura. Grande attenzione per i cocktail anche solo per un semplice Gin Tonic.
Indirizzo: Via Vincenzo Gemito, 20

Happening: Assolutamente il nostro locale preferito a Napoli. Atmosfera originale con una vasta selezione tra distillati, liquori, cocktail, birre e vini. Inoltre, è strutturato su due diversi piani dove si può passare da un’atmosfera lounge ad una più festaiola.
Provate il famoso cocktail Hemingway Special.
Indirizzo: Via Bisignano, 2

 

Parma, una gita fuori porta

Non fidatevi di chi vi dice che per conoscere Parma bastano solo poche ore. Non è una meta di passaggio da liquidare con un giro veloce in centro ma un luogo perfetto per una piacevole gita fuori porta. E’ una bella città italiana, ricca di monumenti importanti, diverse chiese da non perdere, un museo eccellente e una cucina che bisogna assolutamente provare almeno una volta nella vita. Abbiamo deciso di trascorrere una giornata intera a Parma prendendo il treno, con partenza da Milano Centrale e in solo un’ora e mezza siamo arrivate a destinazione.

Dalla stazione vi elenchiamo qui di seguito il percorso che abbiamo scelto di seguire in un giorno:

Palazzo della Pilotta

Si tratta di un complesso di edifici che si ergono nel centro storico di Parma. All’interno del Palazzo della Pilotta ci sono differenti visite che potete scegliere di fare, noi abbiamo visitato solamente il Teatro Farnese di cui vi parliamo al punto sotto.
Orari: da martedì a sabato dalle 8.30 alle 19.00. Domenica e festivi: dalle 13.00 alle 19.00

Teatro Farnese

Teatro diventato subito un esempio per tutto il mondo. Per l’epoca in cui è stato costruito (1616) il teatro è un esempio di creatività e tecnica: l’impianto scenico era mobile, i personaggi potevano essere calati dall’alto e c’era un ingegnoso sistema per l’allagamento scenico della cavea. Inoltre, la caratteristica principale è che è un teatro totalmente in legno, per cui l’impatto visivo è molto suggestivo.
Orari: da martedì a sabato dalle 8.30 alle 19.00. Domenica e festivi: dalle 8.30 alle 14.00

Camera di San Paolo

Contiene un capolavoro del Rinascimento italiano sconosciuto alla maggior parte delle persone. Chiamata anche Camera della Badessa, affrescata da Correggio nel 1519.
Orari: da martedì a sabato dalle 13.10 alle 18.20

Piazza del Duomo

Una delle più belle piazze d’Italia e forse del mondo. In un insieme armonico e perfettamente conservato, il Duomo, il Battistero e il Palazzo Vescovile creano una scenografia unica e raccontano 1.000 anni di storia di questa città emiliana. Quando entrate nel Battistero alzate lo sguardo e ammirate la cupola, è veramente stupenda! L’ingresso alla cattedrale è gratuito, invece, per entrare al Battistero il ticket costa 8 euro.
Orari Cattedrale: tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.30
Orari Battistero: tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00

Monastero di San Giovanni

Formato dalla chiesa, dal convento e dalla storica farmacia di San Giovanni. La visita è assolutamente da non perdere in quanto è uno dei tesori più affascinanti di questa città. L’ingresso è libero.
Orari Chiesa: tutti i giorni dalle 8.30 alle 11.45 e dalle 15.00 alle 18.00
Orari Monastero: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9.00 alle 11.45 e dalle 15.00 alle 17.00

Teatro Regio

Tempio della musica in Italia e nel mondo. Infatti, Parma è da secoli considerata una “città della musica” e i suoi appassionati sono riconosciuti come i più competenti ed esigenti del mondo.
Orari: da martedì a sabato dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00 

Per il percorso su Google Maps clicca qui

 

Dove Mangiare

Ecco siamo giunti al momento che forse vi interessa di più… il cibo! Si perché a Parma come molti di voi già saprete si mangia divinamente. Vi elenchiamo cinque posti buonissimi in cui vale la pena pranzare o, se avete la disponibilità, anche cenare.

  • Trattoria Sorelle Picchi: questo è il posto che abbiamo scelto noi per pranzo, eccezionale! Difatti il locale è accogliente e propone piatti della cucina tipica parmigiana, tra cui tortelli d’erbetta o di zucca, cappelletti e salumi. Inoltre la cucina è prevalentemente casalinga con predilezione per i primi piatti e i dolci. Situato nel centro storico. Per una gita fuori porta a Parma questo è assolutamente nella to do list!
    Indirizzo: Strada Luigi Carlo Farini, 27
  • Trattoria del Tribunale: nel cuore della città, in un edificio di pietra con un’atmosfera molto raffinata e piacevole. In questo locale prediligono piatti di cucina locale con prodotti freschi richiamando le antiche tradizioni.
    Indirizzo: Vicolo Politi, 5
  • Ristorante “Leon d’Oro”: considerato un luogo d’altri tempi dove mangiare come se si fosse a casa la domenica. Il menù tipicamente tradizionale ha di caratteristico anche i salumi, così come i bolliti, gli arrosti e i dolci. Ottimi i tortelli di zucca e di castagne.
    Indirizzo: Viale Antonio Fratti, 4
  • Pepèn: non è un ristorante, ma qui fanno i panini più famosi e più buoni di Parma. Il loro panino speciale è indubbiamente l'”Arrosto Spaccaballe” (arrosto di maiale e maionese, ketchup, foglia di insalata, pomodori e peperoncino), molto amato sia dai turisti che dagli abitanti del posto. Da provare!
    Indirizzo: Borgo Sant’Ambrogio, 2 

Milano, due giorni nella capitale mondiale della moda, del design e non solo

Perché spesso si pensa a questa città come grigia e nebbiosa? Per questo, abbiamo deciso di farvi conoscere una Milano diversa, ricca di divertimento, arte e posti da visitare e da esplorare.

Il primo appunto che vi facciamo è di stare attenti all’Area C, per chi decide di utilizzare la macchina come mezzo di trasporto. L’Area C è un’area nel centro storico di Milano soggetta a restrizioni di accesso per alcune tipologie di veicoli. Il weekend non è attiva e nei giorni di Lunedì, Martedì, Mercoledì e Venerdì è attiva dalle 7.30 alle 19.30. Invece, il Giovedì è attiva dalle 7.30 alle 18.00. Per maggiori info cliccate qui.

Finalmente ora arriviamo al dunque. Infatti, vi segnaleremo quello che, secondo noi, è da non perdere sia dal punto di vista culturale che, alla fine, dal punto di vista culinario, tranquillamente da vedere in due giorni.

Primo Giorno:

Duomo e Galleria Vittorio Emanuele

Consigliamo di visitare il duomo di Milano come prima meta, essendo l’icona del capoluogo lombardo e la chiesa più grande d’Italia. Il nostro suggerimento è di salire in cima al Duomo sulle terrazze, per godere di un ottimo panorama su Milano. Ora, rivolgendovi verso il duomo, costeggiate l’omonima piazza sulla sinistra fino ad incontrare Galleria Vittorio Emanuele II. In aggiunta, se avete tempo fermatevi a prendere un caffè da Marchesi 1824, l’antica pasticceria di Milano per eccellenza, rinomata per la splendida offerta di pasticceria e cioccolato a cui si affiancano anche piatti salati.
Orari Cattedrale: tutti i giorni, dalle ore 8.00 alle 19.00 (ultimo biglietto alle ore 18.00). Per info e prenotazioni cliccate qui.

Piazza della Scala

Appena usciti dalla galleria vi troverete in Piazza della Scala dove di fronte a voi si ergerà il bellissimo teatro in cui vi è la possibilità di visitare il museo teatrale o prenotare visite personalizzate (dal lunedì alla domenica).

Via Montenapoleone

Da piazza della Scala percorrendo Via Manzoni incrocerete via Montenapoleone, una, se non la zona più lussuosa di Milano e parte del famoso quadrilatero della moda. Gucci, Bottega Veneta, Dolce&Gabbana, sono solo alcuni dei nomi che avrete il piacere di incontrare camminando. Infine, allungate la passeggiata anche nelle piccole vie che incrociate come via della Spiga o Via San’Andrea.

Giardini Pubblici Indro Montanelli – Porta Venezia

Tornate su via Manzoni e proseguite su via Palestro, quindi entrate nei Giardini Pubblici Indro Montanelli e godetevi una passeggiata in mezzo al verde. Incontrerete alcuni musei e beni architettonici come il famoso museo di Storia Naturale o il Planetario di Ulrico Hoepli, perfetto per chi visita Milano con famiglia e bambini.

Piazza San Babila

Proseguendo diritti in Corso Venezia raggiungerete Piazza San Babila che prende il nome dall’omonima basilica. Potete proseguire per corso Vittorio Emanuele e girare per i vari negozi, fino ad arrivare di nuovo in Piazza Duomo oppure fermarvi per un caffè o un aperitivo alla terrazza di Brian&Berry, in Via Durini 28.

Castello Sforzesco

Assolutamente da visitare è il Castello, un’importante istituzione culturale e uno dei più bei castelli d’Italia, sede del potere prima dei Visconti e successivamente degli Sforza.
Concludiamo dicendovi che l’ingresso al castello è gratuito.

Arco della pace

Attraversando il parco Sempione, uno dei parchi più grandi di Milano, si arriva al famoso Arco della Pace, un arco dedicato alla pace tra le nazioni europee. Nel complesso, questa zona è molto famosa per i locali, bar e ristoranti in cui prendere un aperitivo o bere una birra al tramonto.  Fermatevi per il cosiddetto happy hour all’elegante Deseo, se sarete fortunati avrete l’opportunità di assaggiare la gustosissima cascata di cioccolato.

Per il percorso su Google Maps del primo giorno clicca qui

 

Secondo Giorno:

Brera

La zona di Brera è definita il luogo dallo charme senza tempo, nota per i negozi di antiquariato e i molteplici ristoranti in cui mangiare, è parte della Milano antica. Il nostro consiglio è quello di curiosare nei vicoli, anche quelli più nascosti, per cogliere tutti i dettagli di questa area. Per di più, è da visitare la famosa Pinacoteca di Brera (chiusa il lunedì ma aperta tutti gli altri giorni dalle 8.30 alle 19.15). Inoltre, se avete voglia di passeggiare tra i caratteristici negozietti ve ne proponiamo uno sicuramente degno di nota: Mi Alma Milano, in Corso Garibaldi 71, offre sandali e altri accessori Made in Italy dai più svariati colori e modelli, personalizzabili e allo stesso tempo glamour e unici.

Corso Como

Passeggiate in Corso Como fino a giungere in Piazza Gae Aulenti, inaugurata nel 2012, una delle zone architettonicamente più moderne di Milano e vicina alle Torri Garibaldi, al famoso Bosco Verticale e al palazzo di regione Lombardia.

Navigli e Darsena

I Navigli sono una zona molto frequentata e suggestiva di Milano. Ai lati di entrambi i Navigli ci sono tantissimi locali curiosi ed originali in cui ci si può fermare a pranzare o a bere qualcosa. In realtà, sono molto famosi per la “movida” milanese, infatti almeno una volta al mese ci sono mercati e bancarelle relativi all’antiquariato o ai fiori, assolutamente da non perdere! Inoltre, da vedere anche la zona della Darsena in cui i due Navigli (Naviglio Pavese e Naviglio Grande) si incontrano. Con il bel tempo consigliamo assolutamente di pranzare da Vista Darsena e godersi il relax dello “stare in vacanza”.

Colonne di San Lorenzo

Percorrete Corso di porta Ticinese fino ad arrivare presso le Colonne di S. Lorenzo. Le colonne rappresentano i resti della “Milano Imperiale”.

Via Torino

Proseguendo per le Colonne di San Lorenzo non si può non godere di un buon giro di shopping in via Torino!

Per il percorso su Google Maps del secondo giorno clicca qui

 

 

Tips

Visitare quando si riesce, SU PRENOTAZIONE ANTECEDENTE AL VIAGGIO, al sito https://www.cenacolo.it/ la chiesa di Santa Maria delle Grazie in cui è possibile ammirare il quadro “L’ULTIMA CENA” di Leonardo da Vinci.

Inoltre, per chi invece, decide di visitare Milano con bambini consigliamo di andare all’Orto Botanico di Brera, in Via Brera 28, sicuramente una meta ideale per stare immersi nella natura. In alternativa, per unire l’utile al dilettevole, vi suggeriamo di fare una passeggiata al nuovo quartiere di CityLife,(Fermata Metropolitana: Tre Torri), in quanto il parco durante il weekend brulica di bimbi ed è possibile giocare e stare all’aria aperta, oltre che fare un sano giro di shopping al nuovo mall CityLife. Quindi, potete decidere di mangiare in uno dei ristoranti del centro commerciale e godervi una vista sui nuovi grattacieli ultramoderni di Milano.

Consigli su dove mangiare:

Colazione

LùBar: ormai è la location più trendy del momento. E’ caratterizzato da un arredamento ricercato e scenografico ed è perfetto per chi vuole godersi una colazione immerso nel verde. Specializzato in cibo siciliano.
Indirizzo: via Palestro, 16.

That’sBakery: Qualità garantita, consigliatissimo per un brunch domenicale. Obbligatorio gustare i cupcake esposti in vetrina! La prenotazione è consigliatissima.
Indirizzo: via Vigevano, 41

Gattullo: questa pasticceria vanta la sua qualità dal 1961. Classica, elegante e sfiziosa, assembla innovazione e tradizione alla passione per la pasticceria.
Indirizzo: piazzale di Porta Ludovica, 2

Mint Garden: alcuni di voi potrebbero scambiarlo per un fiorista da quanto è immerso tra fiori, colori e piante. Assolutamente affascinante, ricorda un cafè in Provenza. Quindi..da provare!
Indirizzo: via Felice Casati, 27

Pranzo

Otto: ideale per un break, per rilassarsi e isolarsi dal traffico milanese. Anche i cocktail e le portate sono originali e prelibate. Inoltre, è perfetto anche per coloro che sono vegetariani.
Indirizzo: via Paolo Sarpi, 8

Terrazza Rinascente: Corso Vittorio Emanuele II, ultimo piano de La Rinascente. Chic ed elegante è perfetto per chi vuole godersi un panorama mozzafiato sul Duomo o rilassarsi in un’ottima atmosfera.
Indirizzo: piazza del Duomo

Macha Cafè: lo definiremmo fusion, infatti propone piatti giapponesi rivisitati “all’italiana”. Consigliamo di prendere la bowl al salmone e, per finire, la gustosissima cheescake.
Indirizzo: viale Francesco Crispi, 15

Filippo La Mantia: la Mantia è una garanzia; e questo lo confermano i piatti Siciliani di materia prima ottima.  A proposito, anche il brunch è consigliatissimo, vi innamorerete dell’enorme buffet dei dolci!
Indirizzo: piazza Risorgimento

Cena

Nerino 10: Nerino 10 è un graziosissimo ristorante, che si trova nelle vie del centro storico. Purtroppo non essendo grandissimo, non è possibile andare in tanti ed è assolutamente suggerita la prenotazione. In sintesi, ottimo servizio e ottima cucina!
Indirizzo: via Nerino 10

Osteria dei Binari: sembra un po’ di stare nel mezzo di una foresta.  Difatti, si è immersi nel verde, soprattutto nella veranda. Menù tipico milanese.
Indirizzo: via Tortona 3

Drogherie Milanesi: piatti milanesi delicati e gustosi, con possibilità di prendere anche mezze porzioni. In quello in via S. Marco potete anche rimanere a bere qualcosa al piano di sotto.. non spaventatevi se vi faranno entrare da un armadio!
Indirizzo: via San Marco 29 o via Conca del Naviglio, 7

Pizzeria Starita: classica pizza napoletana, talmente buona che vi sembrerà di essere a Napoli. Infine, provate gli “angioletti” fritti alla nutella.. sicuramente non ve ne pentirete!
Indirizzo: via Gherardini, 1

Il Giardino dei segreti: perfetto per chi ama la carne, infatti la fiorentina non vi deluderà.. e nemmeno l’antipasto di salumi. Da ultimo vi consigliamo di prenotare in veranda.
Indirizzo: via Pasquale Sottocorno, 17

Carlo e Camilla in Segheria: questo affascinante ristorante lo consideriamo davvero ricercato e di altissima qualità, caratterizzato da originalità nei sapori e nell’impiattamento. Situato in un’ex fabbrica e allestito con lunghi tavoli e lampadari di cristallo. Infatti, è consigliato anche solo per un cocktail.
Indirizzo: via Meda, 24

Locali per la sera

Rita: per chi vuole sorseggiare cocktail eccezionali e soprattutto particolari, il Rita è la meta perfetta. Situato in zona Navigli, è una delle icone della MilanodaBere.
Indirizzo: Via Angelo Fumagalli, 1

Gino12: se siete amanti del gin e dei cosiddetti luoghi “esperienziali”, questo è il locale che fa per voi. Inoltre, potete decidere di degustare il cocktail nel giardino interno oppure direttamente al bancone. L’atmosfera è rilassante e il design è studiato per rendere unica la tua serata.
Indirizzo: Alzaia Naviglio Grande, 12

The Spirit: GOOD DRINKS – GOOD VIBES, il claim di “The Spirit” basta a definirne l’essenza. I divani di velluto e l’arredamento lo rendono assolutamente all’altezza delle aspettative.
Indirizzo: Via Piacenza, 15

Bar più piccolo del mondo: Si, avete capito bene, il bar più piccolo del Mondo. Non siete curiosi di andare a scoprirlo?
Indirizzo: Ripa di Porta Ticinese, 43

Dry Milano: l’accoppiata più insolita che ci sia: Pizza + Cocktail. Difatti è ideale per coloro che vogliono assaporare l’atmosfera milanese a 360 gradi con un tocco di originalità.
Indirizzo: Via Solferino, 33/Via Vittorio Veneto, 28

 

Infine, non possiamo che augurarvi una fantastica permanenza e concludiamo col dirvi: Milan l’è un gran Milan!