Ventiquattro ore a Catania

Ventiquattro ore a Catania

Avete mai provato a visitare in ventiquattro ore Catania? Sicuramente tutti diranno: impossibile! In questo articolo vogliamo raccontarvi quante cose si possono vedere in solamente una giornata. Catania mi accoglie con un sole cocente, 25 gradi e io non posso che essere felice. Distrutta 9 volte da terremoti, eruzioni, invasioni, 9 volte è stata ricostruita più bella di prima. Oggi i palazzi nobiliari e le chiese cittadine (lasciati per fortuna intatti da allora) hanno un valore architettonico di eccezionale valore, tanto che il centro storico di Catania è tutelato dall’Unesco come patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Qui di seguito tutto quello che non potete non vedere in ventiquattro ore a Catania.

Palazzo Biscari

Uno dei più importanti palazzi nobiliari della città di Catania. Fiore all’occhiello del capoluogo siciliano, è una tappa imperdibile che ci racconta secoli di storia. Rimasto di proprietà della famiglia Biscari, oggi è aperto al pubblico solo in determinati giorni e orari. Vi consigliamo per questo motivo di dare un’occhiata al loro sito per maggiori informazioni e sopratutto per prenotare una visita guidata.
Orari: tutti i giorni dalle ore 7.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00

Piazza del Duomo di Catania

Rappresenta il centro storico della città e il punto da cui ha origine la famosa via Etnea. Ospita al proprio interno numerosi monumenti, tra cui la Cattedrale di Sant’Agata e il Palazzo dei Chierici, entrambi uniti dalla porta Uzeda. Inoltre osserverete la magnifica Fontana dell’Amenano, il Palazzo del Municipio e la Fontana dell’Elefante.

Chiesa di Sant’Agata (Duomo di Catania)

Se vi trovate a passare per Catania il 5 febbraio noterete l’amore puro che i catanesi nutrono per Sant’Agata, la patrona della città a cui la cattedrale è dedicata. Costruita sui resti delle terme, il Duomo è stato più volte distrutto e ricostruito dopo diversi terremoti ed eruzioni dell’Etna. L’interno è maestoso con la cappella di Sant’Agata dove sono contenute le reliquie. Di fronte all’altare c’è la tomba di Vincenzo Bellini, musicista catanese di nascita.

Chiesa della Badia di Sant’Agata

Trattasi non solo di una bellissima chiesa in stile barocco catanese ma particolare è la possibilità di salire sulla cupola (al prezzo di 4€). Da questa posizione privilegiata ammirerete Catania dall’alto. Un po’ faticosa l’arrampicata ma una volta arrivati in cima lo spettacolo che si presenterà ai vostri occhi ripagherà lo sforzo.

Fontana dell’Elefante

Sapete perché il simbolo di Catania è un elefante? Secondo la popolazione catanese ha un nome ben preciso: “Liotru”. La scultura che rappresenta l’elefante poggia su un possente piedistallo ed è sormontata da un obelisco alto oltre tre metri. Si narra che ben prima della colonizzazione greca dell’isola la Sicilia fosse abitata da elefanti nani. Secondo la tradizione un elefante scacciò dall’area sulla quale sorge oggi Catania tutti gli animali pericolosi, facendo sì che potesse essere abitata. Sembra inoltre che in passato il Liotru fosse considerato una statua magica, in grado di proteggere la città dalle eruzioni sull’Etna.

Fontana dell’Amenano

Questa splendida fontana si trova sul lato sud di Piazza del Duomo, tra Palazzo Clerici e Palazzo Pardo. Questa fontana costituisce l’unico punto da cui è possibile osservare il fiume che scorre a circa due metri di profondità.

Piazza dell’Università

Questa piazza è circondata da due magnifici palazzi posti uno di fronte all’altro: Palazzo dell’Università (che ospita l’antica università) e Palazzo San Giuliano. Entrambi i palazzi presentano delle splendide facciate e meravigliosi cortili interni (il consiglio è di entrare nell’università per poterli ammirare). Da vedere i “Quattro lampioni” per i quali, ognuno di essi rappresenta un avvenimento leggendario di Catania.

Per il percorso su Google Maps della mattina clicca qui

 

Teatro Massimo Bellini

Trattasi di un gioiello architettonico di raro valore. Non vogliamo dirvi tanto su questo teatro, ma solo svelarvi che tuttora è considerato il teatro con l’acustica migliore del mondo. Le visite guidate sono disponibili dal lunedì al sabato alle ore 10.30, 11.30, 12.30 e nel pomeriggio alle ore 14.30, 15.30 e 16.30.
Per info e prenotazioni vi lasciamo il sito di riferimento.

Basilica Collegiata

Situata subito dopo la prestigiosa Università di Catania, la chiesa guadagnò nel corso della storia sempre più importanza e fu ampliata un una basilica a tre navate. Sin dal 1446 vi è adiacente anche un collegio di sacerdoti, motivo per il quale porta il nome attuale di “Collegiata”.

Chiesa di San Benedetto

E’ un esempio architettonico di tardo barocco catanese. All’interno sono da vedere il pavimento in marmi policromi intarsiati e i maestosi affreschi settecenteschi. Vi suggeriamo di vedere “l’Incoronazione della Vergine” dipinta nella calotta absidale e le scene della “Vita di San Benedetto”.

Anfiteatro Romano

L’anfiteatro è uno dei monumenti più significativi della città romana di Catania. La zona dove sorge, ora parte del centro storico della città, in passato era adibita a necropoli. Fa parte del Parco archeologico greco-romano di Catania. Una leggenda popolare infondata vuole che l’eruzione dell’Etna del 252 lo abbia raggiunto senza però distruggerlo.

Via Etnea

Il nome di questa via è legata al fatto che collega il mare (dalla porta della città vicina al porto) fino all’Etna, collegano tutti i paesi. Sommariamente la via si divide in tre zone, essendo lunga diversi chilometri. La prima parte è quella più bella per magnifiche passeggiate e va da Piazza Duomo ai cosiddetti Quattro Canti (un incrocio perfettamente quadrato con via dei Sangiuliani); la seconda parte arriva fino a piazza Borgo. E’ questa la zona più commerciale della città con tantissimi negozi. L’ultimo pezzo collega Piazza Borgo con il tondo Gioienni. Questa è la parte alta della via, percepita come la più periferica e per questo poco frequentata e ancora vecchia zona residenziale. Nella vostra passeggiata non dimenticatevi di fare un salto a prendere un arancino o un cannolo nei migliori bar della città: Savia e Spinella, di fronte alla Villa Bellini.

Giardino Bellini e Villa Bellini

La Villa Bellini è il parco più grande e anche il più bello nel centro di Catania. L’incantevole parco della città comprende numerosi spazi verdi, una maestosa scala e due colline da dove si può godere una magnifica vista di Catania. Un altro punto di richiamo è anche l’orto botanico: la data è costituita da fiori e viene ripiantata quotidianamente. Al nord della Villa Bellini troverete l’adiacente Giardino Botanico di Catania (per tutti gli orari cliccate qui sul link).

Orto Botanico

C’è un luogo nel cuore di Catania dove natura e storia si fondono insieme e dove, nella quiete dei vialetti delle geometrie perfette, corpo e mente si ritemprano scoprendo tesori botanici di rara bellezza. Si tratta dell’Orto Botanico dell’Università di Catania, un’oasi rigogliosa incastonata nel nucleo storico della città siciliana. Ciò che rende così speciale questo luogo non è soltanto l’immensa ricchezza del patrimonio botanico che custodisce, ma anche la bellezza dei suoi scorci e la magia delle sue atmosfere, rimaste intatte fino ad oggi.

Pescheria

La Peschieria (Piscarìa in siciliano) è l’antico mercato catanese de pesce che ancora oggi conserva e custodisce l’antico folclore. Se volete immergervi nel più antico e caratteristico luogo di Catania, non potete assolutamente non fare una visita tra i numerosi banchi della pescheria dove i mercanti invitano la gente ad acquistare il pesce fresco. Tra i più antichi monumenti della città, partendo dalla Porta di Carlo V arrivando fino in fondo a Piazza Alonzo di Benedetto e Piazza Pardo, si estende il mercato ittico.

Monastero dei Benedettini

Considerato uno dei più grandi complessi monastici d’Europa, oggi è sede del Dipartimento di Scienze Umane dell’Università ed è visitabile grazie ad una bella visita guidata che vi consigliamo assolutamente di fare. Essa permette di ripercorrere i 500 anni di vita di questo luogo che ha ospitato i monaci e poi caserme, scuole, fino all’attuale destinazione.
Orari: aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 17.00

Per il percorso su Google Maps del pomeriggio clicca qui

Consigli su dove mangiare:

Colazione

  • Bar Pasticceria Savia: una vera istituzione, di fronte al giardino Bellini, dispone di una saletta interna ma ha ovviamente un magnifico dehor su Via Etnea vista giardino. Qui troverete tutte le specialità della pasticceria, dalla colazione alla rosticceria fino alla gelateria. Certamente una meta imprescindibile. Piccola curiosità: chiamano l’arancino arancina!
    Indirizzo: via Etnea 302/304
  • Comis Ice Café: situata nel cuore di Catania, questa gelateria propone una granita unica, in vari gusti tra cui nocciola, cioccolato e pistacchio, insieme ad un’enorme brioche calda. Il locale è piccolo ma la granita è ottima e merita un assaggio, specialmente se accompagnata da abbondante panna montata.
    Indirizzo: piazza Vincenzo Bellini, 8

Pranzo

  • Cutilisci: tra le rocce vulcaniche e il mare del porticciolo del borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti, il ristorante Cutilisci offre una cucina naturale che rivisita in chiave moderna i piatti della tradizione siciliana. Selezionando le materie prime, scegliendo farine siciliane e ingredienti sempre freschi i piatti accontentano tutti i palati, anche per vegani e vegetariani.
    Indirizzo: via San Giovanni Li Cuti, 69
  • My Sicily Fast Gourmet: il locale non è proprio di passaggio, dal momento che si trova all’interno del Centro Commerciale Porte di Catania. Qui, sotto forma di fast food potrete trovare piatti tipici della tradizione catanese e siciliana, preparati con materie prime bio, insalate, classico pane e panelle, un must della cucina della Sicilia.
    Indirizzo: piazza Ettore Majorana, 1

Cena

  • Trattoria Don Mimmo: è un locale semplice, ma con un fascino e un’atmosfera familiare dove respirare la vera Sicilia. I primi sono alla giornata e sono preparati con il pesce fresco. Qui le porzioni sono sempre abbondanti, gli antipasti semplici ma delle vere e proprie leccornie!
    Indirizzo: piazza Cavour, 13
  • Ristorante Be Quiet: nel cuore del centro storico di Catania a pochissimi passi dal meraviglioso Anfiteatro Romano propone alla clientela piatti a base di carne e pesce a prezzi davvero ragionevoli. Il locale è davvero molto bello, si presenta con un ambiente intimo.
    Indirizzo: via Monte S. Agata, 6

Locali per la sera

  • Bohème Mixology Bar: nel cuore di Catania il locale è il luogo perfetto per bere un drink. Non solo classici ma anche tanta sperimentazione. Offre decine di cocktail di loro invenzione, personalizzandoli e partendo dalle ricette internazionali e dei gusti dei clienti.
    Indirizzo: via Montesano, 27/29
  • Cappella Bonajuto: un locale molto particolare, all’interno di una cripta bizantina, unico esempio in città. Tra le maestose volte in pietra potete bervi un ottimo drink e avrete la possibilità di assistere ad eventi culturali, concerti ed esibizioni.
    Indirizzo: via Bonajuto, 11
Summary
Ventiquattro ore a Catania
Article Name
Ventiquattro ore a Catania
Description
Avete mai provato a visitare in ventiquattro ore Catania? Sicuramente tutti diranno: impossibile! In questo articolo vogliamo raccontarvi quante cose si possono vedere in solamente una giornata. 
Author
Publisher Name
My Travel Eat Repeat
Publisher Logo
2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. ww88com ha detto:

    … [Trackback]

    […] Info on that Topic: mytraveleatrepeat.com/ventiquattro-ore-a-catania/ […]

  2. Flavour town ha detto:

    … [Trackback]

    […] Info to that Topic: mytraveleatrepeat.com/ventiquattro-ore-a-catania/ […]

I commenti sono chiusi.